Responsabilità professionale: obbligo di assicurazione per le società tra professionisti sanitari

Le società tra professionisti sanitari devono essere dotate di una idonea ed autonoma polizza per la responsabilità professionale. I requisiti minimi sono dettati dalla legge n. 24 del 2017 (retroattività decennale ed ultrattività decennale in caso di cessazione definitiva dell’attività che includa il periodo di retroattività della copertura estensibile agli eredi e non assoggettabile alla clausola di disdetta).

L’obbligo di assicurazione deriva dall’autonoma personalità giuridica attribuita alle società tra professionisti e la legge dispone che l’atto costitutivo preveda la stipula di tale polizza per la copertura dei rischi derivanti dalla responsabilità civile per i danni causati ai clienti dai singoli soci professionisti durante l’esercizio dell’attività professionale. A tal proposito si sottolinea che l’Ordine non può iscrivere nella sezione speciale dell’albo una Società di professionisti se nell’atto costitutivo non sia inserito tale obbligo. Le polizze individuali non bastano e viceversa quelle stipulate dalle società non esimono da quelle singole. La nostra Federazione nazionale si è fatta carico di coinvolgere il broker Aon per individuare una soluzione di copertura adeguata che si baserà sui dati delle iscrizioni delle Stp nelle apposite sezioni speciali degli Ordini. La commissione per il Sistema di protezione è a disposizione per ogni eventuale chiarimento all’indirizzo sistema.protezione@tsrm.org

Condividi su: