Rimini, in vista il 2° Congresso nazionale della nostra Federazione degli Ordini

L’appuntamento è per tutti al Palacongressi di Rimini dal 19 al 21 novembre prossimi per la celebrazione del 2° Congresso nazionale della Fna Tsrm e Pstrp (www.congressonazionalefnotsrmpstrp.it)

Segreteria organizzativa – Riccione Congressi
C.so F.lli Cervi 76/A – Riccione
Tel 0541/604160 int 15 – Fax 0541/601775
eventi@riccionecongressi.com.
Orari: Lun/Ven 9.00 – 13.00     14.30 – 18.30.

Al centro dei lavori l’esperienza pandemica per riformare il sistema salute e il contributo  dell’Ordine, casa comune delle professioni sanitarie. In continuità con la prima edizione del 2019. Come è noto la nostra Federazione riunisce, in un unico soggetto istituzionale, la rappresentanza di 19 delle 30 professioni sanitarie del nostro Paese; è organizzata in 61 Ordini locali e raccoglie circa 220.000 iscritti. Un progetto unico ed ambizioso, realizzato con grande impegno ed energia, con cui, il Legislatore, ha voluto garantire gli interessi pubblici connessi con l’esercizio professionale di tutela e cura della salute.

Il 2° congresso nazionale sarà l’occasione per dare nuovamente voce alla Costituzione etica della Federazione, la carta dei valori fondanti della casa comune, presentata ufficialmente il 3 luglio, a Roma. Sarà, inoltre, una preziosa occasione di confronto e riflessione sull’esperienza pandemica e di consolidamento di quanto di sicuro, efficace e resiliente le professioni sono state in grado di garantire al sistema sanitario.

Come tutte le crisi, anche quella pandemica è, di fatto, una grande occasione per riformare il nostro modo di essere e relazionarci, la nostra società, compreso il nostro prezioso sistema sanitario, cogliendo a pieno e responsabilmente le opportunità offerte dalle risorse economiche del Pnrr.

I temi

Saranno tre le macro aree tematiche su cui si svilupperà il ricco programma congressuale: l’esperienza pandemica, il piano nazionale di ripresa e resilienza, le attività federative. Le professioni sanitarie hanno vissuto momenti di grande fatica e sofferenza. Il congresso nazionale vuole essere anche un momento di memoria e ringraziamento, ricordando chi a causa della Covid-19 non c’è, ascoltando le testimonianze più significative sul quel che è stato necessario per fronteggiare l’emergenza sanitaria, sulle ricadute personali e familiari, sulle paure e le ansie, sulla malattia e la morte delle persone care e, finalmente, sulla campagna vaccinale.

La valorizzazione delle professioni e dei loro neolaureati

Il congresso è da sempre anche l’occasione per presentare i migliori contributi dei tanti professionisti che quotidianamente determinano il loro agire sulla base delle prove di efficacia e per favorire l’incontro tra la componente più matura delle professioni e i giovani neolaureati.

Condividi su: